Comune di Moruzzo

Sito web Istituzionale

Ricerca rapida


< vai al contenuto centrale


MORUZZO IN IMMAGINI

Link Utili

VARI
Regione Autonoma FVG (link)
Provincia di Udine (link)
UTI Collinare (link)
Comunità Collinare del Friuli (link)
Turismo nel Friuli Collinare (link)
AAS3 - Azienda Sanitaria (link)

MORUZZO
ViviMoruzzo (link)
Collinbici (link)

Unione Territoriale Intercomunale "UTI COLLINARE"



Il tuo percorso: Ti trovi qui: HOME > Notizia

Notizia

Sabato 13 aprile ore 20:30 - Proiezione del film “MISSUS - L’ULTIMA BATTAGLIA” - Auditorium Riedo Puppo

Sabato 13 aprile ore 20:30 - Proiezione del film “MISSUS - L’ULTIMA BATTAGLIA” Moruzzo - Auditorium Riedo Puppo

“MISSUS - L’ULTIMA BATTAGLIA”
del regista Massimo Garlatti-Costa

prodotto da Raja Films

 
Alla presentazione del film saranno presenti

Massimo Garlatti – Costa regista
Cristian Romanini dell’Associazione Glesie Furlane
Don Romano Michelotti, nato a Modotto e  protagonista del film

 

Moruzzo - Auditorium Riedo Puppo



Il 28 agosto 1974, in occasione di una celebrazione religiosa nelle montagne del Friuli, dieci sacerdoti chiedono ai loro arcivescovi di poter celebrare la messa nella loro lingua: il friulano.  La loro richiesta viene negata e i sacerdoti, in segno di protesta, lasciano sull’altare la Chiesa un documento con le loro richieste.  Questo evento crea una rottura ideologica con la Chiesa di Roma, ed è il momento in cui nasce “Glesie Furlane", la Chiesa dei friulani. Il documentario segue la vita degli ultimi sacerdoti rimasti di Glesie Furlane, che dopo più di 40 anni, sostengono ancora il diritto di usare la propria lingua, sia nella liturgia che nella vita di tutti i giorni. Pre 'Sef Cjargnel dice: "La dichiarazione dei diritti dell'uomo afferma che tutti gli uomini sono uguali nel linguaggio, nello stile di vita e nella cultura, tuttavia, sia nella società civile che nella vita religiosa, questi diritti vengono negati.  La loro lotta è duplice, sia contro i pregiudizi della società civile di utilizzare la lingua minoritaria nella  vita di tutti i giorni, sia contro le imposizioni del clero di Roma, che si spinge fino a negare il permesso ai sacerdoti friulani di tradurre il Messale in friulano.

Missus racconta la storia di 40 anni di lotte per la reale, concreta affermazione di questa dignità e di  questo diritto: perché la lingua sia veicolo di libertà e di espressione dell'identità, in particolare per quei Piccoli Popoli - parlanti le così definite Lingue Minoritarie - per i quali la lingua è vero e proprio strumento di sopravvivenza.

I protagonisti di Missus sono una sorta di druidi del ventunesimo secolo che, fra eroismo e invincibile ostinazione, proseguono una lotta che è la stessa di tutti quei 40 milioni di Europei - Baschi, Sardi, Bretoni, Cimbri, Occitani, Gallesi, Ladini e non solo - simbolo della pluralità culturale e della ricchezza storica del Vecchio Continente.


Files:
missus-1hozcw.jpg201 K